Dieta Archive

Nutrigenetica e Dieta

Cos’è la Nutrigenetica?

La Nutrigenetica è la scienza che studia le cause genetiche (scritte nel DNA) del funzionamento del metabolismo di ciascun individuo. Attraverso questa scienza è pertanto possibile conoscere esattamente il tipo di nutrizione congeniale per migliorare il proprio stato di salute.

Il nostro stato di salute deriva direttamente e principalmente da come ci nutriamo. Il progresso scientifico lo ha confermato, indicando che un’alimentazione sbagliata favorisce l’insorgere di patologie a cui siamo geneticamente predisposti.

Test Nutrigenetica

Grazie alla Nutrigenetica, infatti, abbiamo una precisa cognizione del modo in cui il nostro organismo metabolizza i nutrienti che ingeriamo. Implementando semplici modifiche alimentari, possiamo quindi ottimizzare il nostro metabolismo ed evitare o ritardare malattie e precoce invecchiamento. L’obesità è, infatti, soltanto il più evidente dei disordini causati da un’alimentazione sbagliata.

Perché fare un test nutrigenetico?

La dieta mediterranea è patrimonio dell’umanità Unesco, e rappresenta, in linea generale, il miglior modo di alimentarsi. Ma, anche nell’ambito di un siffatto stile nutrizionale, vi sono preferenze personali nella scelta degli alimenti: i vari test genetici che abbiamo a disposizione possono permetterci di comporre una dieta estremamente personalizzata, implementando solo gli alimenti che si allineano con il nostro metabolismo.
Ciò ci permetterà di ottenere uno stato fisiologico ottimale, facendoci dimagrire e sentire più energici ed ottimisti.

I test nutrigenetici che effettueremo sono svariati e riguardano diverse problematiche fisio-patologiche: salute del sistema scheletrico, intolleranza al lattosio, predisposizione alla celiachia (patologia che, a vari gradi di espressività, è molto più diffusa di quanto si creda), metabolismo dell’omocisteina, infiammazione sistemica, antiossidanti e radicali liberi, pressione sanguigna, insulina e glicemia, obesità e sensibilità ai grassi.
Ad esempio, l’infiammazione sistemica, spesso cronica e silente, è espressione di un disordine generale dell’organismo. Questo indebolimento può causare il diabete tipo 2 non insulino-dipendente (che, con elevati valori di omocisteina, porta ad infausti eventi cardio-vascolari) o altre patologie autoimmuni.

Come si effettua il test del DNA nutrigenetico?

Laboratorio NutrigeneticaPassando un semplice tampone all’interno della bocca, preleveremo un piccolo campione di saliva e cellule della guancia. Il campione verrà poi inviato al laboratorio specializzato e sottoposto ai test nutrigenetici.

Nel loro insieme, i test genetici hanno un costo limitato ed assolutamente conveniente, data la loro importanza.
Inoltre, tali test non dovranno essere ripetuti, perché riguardano il DNA, il codice genetico che definisce la nostra identità e che rimane pressoché immutato per tutta la vita.

Per avere più informazioni o prendere appuntamento col Dottor Giardina, contattaci cliccando qui.

Quali Sono gli Strumenti, Fisici o Psicologici, che Ottengono Maggiori Risultati nel Mantenere i Pazienti Motivati e nell’Evitare Sgarri o un Ritorno ad Abitudini Alimentari Sbagliate?

Innanzitutto giova ricordare che l’obesità è una patologia cronica e che va considerata tale già dal primo momento in cui essa si presenta.
Pertanto non è realistico pensare di potersene liberare “una volta per tutte” e per giunta in tempi brevissimi!

Ciò non significa però che non si possa ottenere una iniziale, drastica e rapidissima riduzione del peso corporeo, ricorrendo a regimi dimagranti estremi (soltanto per pazienti che non presentino preclusioni a tali trattamenti e sempre sotto la guida strettissima di un medico specialista esperto).

Va comunque considerato che le diete fortemente restrittive, che sono tutte quelle a base proteica, devono necessariamente avere una durata limitata nel tempo. Questi regimi dietologici, quali la dieta col Sondino, le VLCD (ossia le diete a bassissimo tenore calorico), e comunque tutte le diete chetogenetiche, mirano alla diminuzione-lampo del tessuto adiposo in assenza di fame per opera della chetosi, e con la protezione della massa magra (muscoli, ossa, ecc.) grazie all’apporto proteico.
La loro durata non può che essere limitata nel tempo per svariati motivi, quali la tollerabilità del cambiamento drastico delle abitudini alimentari e lo stress cui l’organismo è sottoposto sia sul piano organico che su quello psicologico.

Quindi, se è vero che queste strategie dimagranti rapide possono essere utilmente attuabili per un limitato periodo, per “rompere” con le abitudini alimentari sbagliate, è anche vero che le stesse non sono più concepibili nella fase successiva a quella del dimagrimento, cioè quella del mantenimento dei risultati comunque raggiunti!
Nella fase di mantenimento infatti, dopo che l’organismo si è “resettato”  raggiungendo un nuovo e migliore equilibrio, viene richiesto al paziente di mantenere le correzioni apportate alle proprie abitudini alimentari, seguendo una alimentazione variata ed equilibrata, unitamente ad una opportuna ed indispensabile attività fisica per il resto della vita, in modo tale da non  ricadere nel riacquisto del peso in eccesso. Pertanto, nella fase intermedia del dimagrimento, qualunque regime dietetico dovrebbe sfumare nel mantenimento, mirando ad un lentissimo e sereno calo dell’eccesso ponderale residuo, cercando il miglior compromesso fra l’efficacia nel raggiungimento di tale finalità e la vivibilità della dieta.

Diete Proteiche, Diete Dissociate, Diete a Blocchi: Sono Davvero Efficaci o Sono Solo Frutto di Marketing e Moda? Quali Principi da Queste Varie Diete Andrebbero Inseriti Nella Propria Dieta? E Quali Andrebbero Evitati?

Molte sono le strategie, unico è il fine: perdere peso stabilmente e con massimo risparmio della massa magra e delle regole che ci detta la stessa Madre-Natura!

Sta al medico specialista esperto adottare, per quel dato paziente, la strategia dimagrante migliore, tenendo conto dei suoi gusti, delle sue inclinazioni, della sua personalità e del suo psichismo. Ci sono molti pregiudizi e molte idee sbagliate sulle diete. Non ci sono alimenti buoni o cattivi: ogni alimento deve e può essere assunto nel giusto modo e nella giusta misura, tenendo conto del metabolismo e dell’individualità del paziente di cui ci si prende cura.

Inoltre bisogna sempre aver presente che quel che conta è la durata dei successi ottenuti, che può solo essere conseguente ad un modo di alimentarsi che possa essere facilmente accettato e seguito dal paziente.
Diversamente ogni successo avrà un carattere di temporaneità e sarà destinato a non raggiungere appieno lo scopo.

Ricordo inoltre che le inutili, forzate e drammatiche variazioni di peso non giovano all’organismo, né al mantenimento del peso raggiunto!
Meglio accontentarsi di un calo modesto ma mantenibile, piuttosto che impegnarsi in mostruose riduzioni del peso in breve tempo, insostenibili  successivamente nel lungo periodo. Il riacquisto del peso perso troppo rapidamente, che spesso si verifica al termine di questi severi regimi dimagranti superando addirittura il peso di partenza, può indurre uno stress psicofisico nel paziente che, a causa della frustrazione delle sue aspettative, perde l’autostima predisponendosi quindi ad una visione nevrotica del problema, foriera di ulteriori fallimenti e frustrazioni!

DMCA.com Protection Status